Da Giulia – Luglio2016

Ciao a tutti, mi chiamo Giulia ho 34 anni e durante la mia seconda gravidanza mi è stata diagnosticata una Mav cerebrale in zona frontale, vicina sia alle zone del linguaggio in produzione che alle aree motorie. Ero verso fine gravidanza quando in seguito ad una litigata telefonica, alzandomi di scatto in piedi mi sono bloccata con il collo, ho sentito un gran calore e mi è partito un Mal di testa insopportabile, indescrivibile ( ho pensato che mi stesse venendo un ictus). Mi hanno ricoverata è solo dopo una settimana circa la diagnosi. Ovviamente mi hanno programmato un cesareo: Edoardo è nato il 4/1/16 e sta benissimo ( ah dimenticavo… Ho una bambina di 2,5 anni che ho partorito spontaneamente nel 2013).
Ho effettuato un angiografia a marzo 2016, una risonanza funzionale e sentito il parere di diversi esperti… ( Ospedale Bellaria di Bologna, Dottor Cenzato dell’ospedale Niguarda di Milano…). Sono molto combattuta su cosa fare: di certo non posso tenermela. Mi hanno proposto sia intervento chirurgico…( che per la sede della Mav è un po rischioso ed ho due piccoletti di 6 mesi e 2,5 anni) sia il trattamento con gamma knife, che subito mi sembrava la soluzione migliore. Poi però penso che l’intervento mi risolverebbe subito il problema…mentre la radiochirurgia prima che risolva il tutto devono passare due anni almeno. Nessuno ha detto che quel l’episodio di esordio fosse un emorragia , poiché nelle rmn non c’era nessun sanguinamento… Ma io continuo a credere che invece sia stata proprio una micro emorragia.. E che quindi sono sottoposta ad un rischio maggiore di ulteriori emorragie… Nel corso di questi anni di attesa se scegliessi la radiochirurgia.
Sono combattuta…non so cosa fare. Qualche parere? Situazioni analoghe per sede??nominativi ulteriori X avere altri consulti? ( anche all’estero).
Vi ringrazio .
Giulia DOGE ( questa è la mia mail… Se qualcuno volesse scambiare due chiacchiere: giulia.rosignolo@gmail.com)

Questa voce è stata pubblicata in I nostri casi.... storie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *