Da Fabio Settembre 2010

 

Ciao Marco
sono Fabio di Vigevano (PV) ho 33anni e volevo raccontare la mia storia.
Il 30 maggio 2010, senza nessun tipo di sintomo precedente, mi sono svegliato con la mano sinistra quasi del tutto fuori uso, occhio sinistro leggermente chiuso e bocca parzialmente bloccata…..e….uno spavento terribile!
Mi sono recato al pronto soccorso di Vigevano dove mi hanno fatto una TAC che ha evidenziato un’emorraggia di circa 3 cm.
Sono stato ricoverato d’urgenza al San Matteo di Pavia dove mi hanno sottoposto a risonanza magnetica che confermava la presenza dell’ematoma ma nulla più.
Dopo circa una settimana mi hanno dimesso dicendomi di stare a riposo ed evitare sforzi attendendo che l’emorraggia si possa riassorbire.
Dopo 2 mesi mi sono sottoposto nuovamente a risonanza la quale non escludeva la presenza di MAV.
Dopo 1 mese sono stato sottoposto ad angiografia, la quale confermava la presenza di una micro-mav di pochi mm; non sono stato sottoposto ad embolizzazione a causa della dimensione troppo piccola del vaso da trattare.
A questo punto c’era chi mi diceva di effettuare intervento chirurgico, chi mi diceva di effettuare radiochirurgia (notare che questi pareri discordanti venivano da medici dello stesso staff…….).
Così mio sono recato dal dott. Rodriguez (considerato uno dei masimi esperti del settore) il quale mi ha vivamente sconsigliato l’intervento chirugico a causa di un rapporto rischio/beneficio sfavorevole, indirizzandomi verso la radiochirurgia presso la Clinica Villa Cecilia di Cotignola (probabilmente, date le dimensioni di 3-4mm, i tempi di guarigione della MAV potrebbero essere inferiori ai 2 anni mediamente considerati).
Sperando che qualcuno possa esprimere il proprio parere, saluto tutti!!

Fabio
bioghi_77@yahoo.it

Questa voce è stata pubblicata in I nostri casi.... storie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Da Fabio Settembre 2010

  1. Amelia scrive:

    Ciao FAbio, volevo sapere se poi ti sei sottoposto alla radiochirurgia e cosa ti è sembrata. Grazie Amelia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *