Da Carlo – Ottobre 2012

Ciao, mi chiamo Carlo ho 40 anni e quando ne avevo 21, cioè nel 1993 ho avuto una emorragia cerebrale da rottura di angiome temporo-basale posteriore sinistro. Dopo 20 giorni in coma (21 agosto 93 – 11 settembre 93) mi sono ripreso e sono stato portato da Ancona(Neurotraumatologia), all’ospedale di Verona (Borgo Trento) dove sono stato prima “enbolizzato” una sola volta nell’ottobre 1993 dal Dott. Perini e successivamente nel gennaio 1994 sono stato sottoposto al trattamento di Radiochirurgia stereotassica gamma knife dal dott. Alberto Pasqualin. Nel 1996 il dott.Pasqualin dopo lo studio angiografico mi ha dichiarato completamente guarito e questo per me è stato un grosso sollievo. Anche io durante la cura accusavo stanchezza e trascorrevo tante ore a dormire. Confrontandomi con Pasqualin durante le visite programmate, mi spiegava che questo stato di stanchezza era causato dai medicinali per la copertura dell’epilessia (Gardenale e Dintoina). Nell’anno 1997 il dott.Pasqualin mi ha eliminato tutti i farmaci e da allora non assumo antiepilettici e non ho mai avuto crisi !!!
Purtroppo tre anni fà ho iniziato a sentire male alla testa e a distanza di 15 anni sono tornato da Pasqualin per capire cosa mi sta succedendo. Dall’ultima RMN con contrasto, Pasqualin ha dianniosticato una cisti che sta premendo sulla massa cerebrale (controindicazione, questa, della stereotassica di 20 anni fà) che nello studio angiografico del 1996 non si vedeva. Ora sto aspettando che Pasqualin valuti il mio caso e che decida il da farsi (drenaggio interno o asportazione….)
Detto questo, comunque, i miei stati di sonnolenza sono finiti ormai dal 1997 (ultimo anno di copertura con Gardenale e Dintoina) e per ora l’unico segno tangibile di questa storia è l’aver perso il mio passato, infatti al risveglio dal coma (avevo 21 anni) non ero più in grado di ricordarmi niente, non sapevo più niente di me e della mia vita… (il mio nome,scrivere,leggere,riconoscere amici e familiari….).
Questa è la mia e-mail: carlo.terenzi@alice.it

Questa voce è stata pubblicata in I nostri casi.... storie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *