Da Anna – Maggio 2015

Ciao mi chiamo Anna e sono del Gargano.

A 2 settimane dal primo intervento chirurgico della mia vita riporto qui la mia storia perché grazie a questo portale ho trovato forza e coraggio oltre che conforto e supporto.
La mia storia comincia la notte di pasquetta, quest’anno…solo a pensarci mi sudano le mani. Piccola premessa ero prossima alle nozze quindi immaginate un addio al nubilato a base di alcol e sigarette…tanto si, ma per una volta quella sera almeno non decisi di mischiare!!! Non mi giustifico, sono grande ormai ma ammetto che in 32 anni di vita ho trascorso diverse serate goliardiche e di certo non mi aspettavo un hangover di quel tipo il giorno dopo! La mattina ero sobria, sveglia e carica…lavoro in un albergo, in reception e avevo ripreso il mio solito turno pomeridiano. Al pc ore 16 l’esplosione: la mia testa pulsa, scoppia…il mal di testa dei mal di testa, l’ho chiamato!!!! La sinusite sarà…mi sono detta, l’alcool di ieri, il freddo, ho esagerato con le sigarette….nel frattempo parlavo un inglese un pò troppo italianizzato e quando mi sono alzata per andare in bagno, mi trascinavo la gamba destra. Sentivo la parte destra del corpo intorpidita, spenta, pesante…continuo a sottovalutare fino a sera quando rientro a casa e vado a dormire in ciabatta! Sono una persona autoironica però la ciabatta…c’era proprio qualcosa che non andava.
L’indomani mattina ritorno al lavoro, stesse sensazioni, stesso torpore e costante mal di testa…a sera mi decido e vado, con la mia family sempre presente, in ospedale. Mi ricoverano a San Giovanni Rotondo in neurologia e mi sottopongono ad una serie di controlli. Dopo 4 giorni scopro di avere un angioma cerebrale benigno ma devo essere trasferita in neurochirurgia per capire di cosa si tratta nello specifico.
Il primario Dott. D’Angelo ed il Dott. Paiano mi disegnano un quadro chiaro e dettagliato della mia situazione: sono nata con una MAV cerebrale parietale sinistra. Purtroppo una copiosa emorragia ha formato un ematoma che deve in parte riassorbirsi prima di poter intervenire! La cruda e dura verità mi viene spiattellata così senza misure…mentre tutto intorno a me resta immobile. Ad oggi sento ancora i brividi di quei momenti ma ringrazio l’equipe che mi ha operata, la grande professionalità, il reparto e tutti coloro che ci lavorano con dedizione. Dopo l’intervento mi sono svegliata incazzata per l’anestesia ma felice di vedere, parlare, camminare, ragionare..A una settimana dall’intervento ho avuto una scossa di assestamento : l’unico momento brevissimo in questo brutto periodo in cui ho perso il controllo di me stessa, durante una crisi epilettica. Tutto nella norma mi hanno assicurato i medici, vista l’entità dell’intervento subito!!!
Per il resto che dire ancora?! Io ogni giorno che passa mi sento sempre meglio, certo non mi strapazzo e ho imparato ad amarmi un pó di più, smettendo anche di fumare!!!! Non sopporto molto i rumori e non reggo le lunghe chiacchierate…I mal di testa stanno diventando un ricordo…ora oltre ad essere curiosa di vedere la C di capelli sulla mia testa non mi resta che vivere la mia nuova vita senza MAV! !!!

Anna

Questa voce è stata pubblicata in I nostri casi.... storie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *