Da Alessandra – Dicembre 2014

Salve a tutti
Mi chiamo Alessandra. Ho 19 anni e sono Svizzera. Ho scoperto questo sito per puro caso.
Verso inizio estate 2014 ho scoperto di avere una MAV nel piede.
È cominciato tutto verso gennaio, quando ho cominciato a sentire un dolore nel piede che però si manifestava una volta a settimana, e col tempo andava via via più frequente.
Avendo avuto problemi di tendinite al piede e alle ginocchia non ci avevo dato tanta importanza.
Ma quando il dolore ha cominciato a incidere anche sulla camminata e a farmi zoppicare ho deciso di fare finalmente dei controlli approfonditi.
Inizialmente, il medico con una radiografia in studio non ha trovato niente così sono andata a fare una risonanza magnetica, e qui si è cominciato a notare qualcosa di strano; questa specie di grumo nella pianta del mio piede.
Visto che la risonanza non era abbastanza ho dovuto fare un’angiografia con liquido di contrasto per vedere effettivamente quanto era grande questa MAV.
Dopo l’esame, lo specialista presente da noi che opera questa patologia, ha ammesso che così in profondità, così intricata è così in un posto strano per essere una MAV non ne aveva mai viste, così ha molto onestamente ammesso di non sentirsela di operarmi e mi ha mandato a Berna dove operano anche le MAV al cervello.
Mi avevano detto che poteva bastarne uno di intervento, così il primo è stato fatto il 23 di ottobre. Ma dal controllo con eco doppler dopo l’intervento di è notato che il flusso di sangue nella gamba (che inizialmente pompava un litro di sangue in più rispetto all’altra) era ancora troppo potente.
Così il 5 di dicembre ho dovuto subire la seconda embolizzazione, e mi hanno anche riferito che se ne stanno formando altre due piccole MAV nel piede e quindi serviranno altre due operazioni (la prossima so già sara il 3 di febbraio).
Mi avevano anche comunicato che sarebbe servito un intervento per rimuovere chirurgicamente la MAV dopo le embolizzazione; se tutto va bene invece dopo le operazioni, si potrà anche lasciarla all’interno la MAV perche non avrà irrorazione e non dovrebbe nuocere.
Ma questo purtroppo lo saprò solo più in là

Ho cercato di raccontare tutto a grandi linee (più meno hehe).
So di non avere una MAV grave, ma spero che la mia storia possa essere interessante come molte altre di cui ho letto :)

Buona continuazione a tutti quanti

Alessandra

Questa voce è stata pubblicata in I nostri casi.... storie. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *